jump to navigation

8 Luglio 2008 venerdì,11 luglio, 2008

Posted by Donchisciotte in Attivismo, Libertà, Personaggi, Riflessioni, Rivoluzione.
4 comments

Buongiorno cari

Mi sono passate in testa tante idee, tante riflessioni dopo la giornata di piazza dell’8 luglio ma non ho avevo avuto ancora l’occasione e il tempo di buttare giù due righe.

Ringrazio Sabina Guzzanti per averle raccolte tutte (che fai mi spii i neuroni???) quindi pubblico la sua lettere pari pari perchè la condivido al 100%, come il suo intervento, come quello di Grillo.
Più avanti magari pure qualche mia riflessione personale 🙂

Critico chi voglio. E la gente applaude

Caro Direttore, per tutti quelli scioccati dalla stampa di questi giorni, voglio rassicurare: non siete impazziti e non sono nemmeno impazziti i giornali. La questione è molto semplice, questo sistema fradicio e corrotto vede nell’eliminazione del dissenso l’unica possibilità di salvezza. Scrive Filippo Ceccarelli su Repubblica in relazione al mio intervento a piazza Navona: «Nulla del genere si era mai visto e ascoltato a memoria di osservatore». Questa cosa, Ceccarelli, si chiama libertà. Non hai mai visto una persona che chiama le cose col suo nome, anche quelle di cui tutti convengono sia assolutamente vietato parlare, come l’ingerenza inaccettabile del Vaticano nella vita politica del Paese e nelle vite private dei cittadini italiani. Caro Ceccarelli, hai fatto un’esperienza straordinaria. Col tempo apprezzerai la fortuna di esserti trovato lì l’8 luglio.

Quello che hanno visto i presenti e gli utenti di internet è una piazza ricolma di gente, che è stata in piedi per tre ore ad ascoltare e ad applaudire entusiasta. Gli interventi più criticati dai media sono quelli che hanno avuto indiscutibilmente più successo. Nel mio intervento, al contrario di quello che tanti bugiardoni hanno scritto, gli applausi più forti sono stati sulle critiche alla politica del Vaticano e le frasi più forti fra quelle sono state applaudite ancora di più. Questa manifestazione è stata il giorno dopo descritta come un fallimento, un errore, un autogol. Stampa e tv hanno tirato fuori il manganello e con i mezzi della diffamazione, della menzogna e dell’insulto stanno cercando di scoraggiare chi ha partecipato, a continuare. Alcune ovvie piccole verità: — A sinistra si lamentano del fallimento della manifestazione quando l’unico elemento di insuccesso è costituito dai loro stessi interventi. Se non avessero parlato in tanti di insuccesso a dispetto dei fatti, la manifestazione sarebbe stata percepita per quello che è stata: un successone. — Berlusconi e i suoi sono furiosi per quanto è accaduto e il sondaggio che direbbe che Berlusconi ci ha guadagnato lo ha visto solo Berlusconi.

Quello che dice potrebbe non essere vero. — L’intenzione di espellere Di Pietro era già evidente da parte del Pd e non è per me e Grillo che i due si sono separati. Pare che Veltroni gli preferisca Casini. Non è una battuta. — Le parlamentari che hanno difeso la Carfagna sostenendo che io in quanto donna non posso attaccare un’altra donna, insultando me sono cadute in contraddizione. — Pari opportunità e Carfagna sono due concetti incompatibili come Previti e giustizia. — È falso che non si possa criticare il presidente della Repubblica. Si può e ci sono buone ragioni per farlo ad esempio impugnando il parere dei cento costituzionalisti sul Lodo Alfano. — È falso che non si possa criticare e attaccare il Papa. Si può e ci sono buone ragioni per farlo. Ho letto un po’ dappertutto che il Papa sarebbe una figura super partes. Super partes non è uno che si schiera con tutte le sue forze su ogni tema, dalla scuola ai candidati alle elezioni, alla moda e alla cucina, con interventi spesso molto al di sotto delle parti, cosa su cui anche la Littizzetto, esimia collega, ha efficacemente ironizzato. — La reazione furibonda di tutto il mondo politico alle parole di alcuni liberi pensatori, dimostra che gli interventi fatti sono stati importanti ed efficaci. La repressione dei media rivela la debolezza politica di una classe dirigente che in entrambi i poli è nata a tavolino. Gli unici elementi che hanno una oggettiva radice popolare e sono rappresentati in Parlamento allo stato attuale, sono Lega e Di Pietro.

E crescono. Berlusconi e Pd calano vertiginosamente. — C’è un partito finto, il Pd, nato senza idee, tranne quella di fondere due partiti per ingrandirsi con lo stesso criterio con cui si accorpano le banche per essere più forti. Questo partito votato controvoglia dalla maggioranza dei suoi elettori si è rivelato fin dai primi passi un soggetto politico artificiale, che somiglia più a un «corpo diplomatico» che altro. Molti dei vip che lo hanno sostenuto ora sono colti da attacchi isterici constatando che non sta in piedi. Dall’altra parte ci sono delle idee che vogliono essere rappresentate e discusse. Idee davvero alternative a quelle del centrodestra. La qual cosa, nel momento in cui si cerca di costruire un’alternativa, ha la sua porca importanza e fa sì che queste idee vengano considerate oggettivamente interessanti dall’opinione pubblica. Per quanto riguarda l’annosa questione: «Può un comico fare politica?», si tratta anche qui di una domanda che non esiste in natura. È ovvio e tutti sanno che chiunque parli a un pubblico fa politica. È ovvio che la politica in una democrazia la fanno tutti. Ma la vera domanda che si pone è: può un comico ottenere molto più consenso politico di un politico? Può il discorso di un comico essere molto più politico di quello di un politico? I fatti dicono di sì e tocca abbozzare. Potete anche continuare a menare le mani, ma sarebbe meglio fare uno sforzo di comprensione. D’altra parte parlo per me ma credo anche a nome degli altri, le nostre idee sono lì e si possono usare gratuitamente. Approfittatene.

Sabina Guzzanti
11 luglio 2008

Annunci

The Real Life… giovedì,26 giugno, 2008

Posted by Donchisciotte in Libertà, Passione, Riflessioni.
2 comments

Bonanza non è aria
oltretutto con questa merda che c’hai in mano
ma cos’è?

Quante volte ve lo devo dire! La vita non è perfetta, le vite nei film sono perfette (…fette), belle o brutte, ma perfette (…fette), nei film non ci sono tempi morti (…morti), la vita è piena di tempi morti (…morti), nei film sai sempre come va a finire (finire), nella vita non lo sai mai! (…mai!)

Bonanza va a cagare vabene
non si capisce un cazzo di quello che dici…

Audio

[Radiofreccia,1998]

BookCrossing martedì,3 giugno, 2008

Posted by Donchisciotte in Informatica, Libertà, Passione.
3 comments

Per posta ormai mi arriva un’infinità di cose che prendo on the net quindi aprire pacchi è quasi una routine, ma l’altro giorno ne aspettavo uno particolare e quando è arrivato ero un po’ eccitato..!
Grazie a Serena ho avuto il primo approccio con il BookCrossing.
Per farla breve (cosa metto a fare i link se devo riscrivere tutto..!!) è una sorta di community dei libri, dove io regalo un libro a te, ne ricevo uno da un’altra persona eccetera eccetera così i libri, e con loro la cultura, la fantasia, la bellezza, il profumo, il fascino, il mistero e tutte le altre cose che stanno in mezzo a due copertine di cartone, passano di mano in mano, se ne discute, si conoscono persone, si fanno amicizie eccetera eccetera.
Il sottoscritto appoggia in (stra)pieno questo genere di condivisione della conoscenza, delle esperienze, delle amicizie…tutti ci guadagnano e tutti sono più felici..nessuna controindicazione.

La parola per descrivere tutto ciò potrebbe essere Ubuntu… 😉

Personalmente sono un po’ feticista con i miei libri…mi piace odorarli, accarezzarli, sfogliarli o guardarli chiusi quindi non credo che riuscirò mai a dare l’addio a uno dei miei libri però cercherò di fare da tramite…sicuramente tutti quelli che bookcrosseranno verso di me saranno bookcrossati verso qualcun’altro.

Ancora un grosso grazie a Serena!!!

p.s.: non vorrei sembrare un nerd ma cmq il libro in questione è Macintosh…La nuda verità
Quando sarà finito (nn a breve…) lo recensirò pure io e lo crosserò 🙂

Travaglio TV lunedì,19 maggio, 2008

Posted by Donchisciotte in Attivismo, Libertà, Personaggi.
2 comments

A lato ho aggiunto il banner liberamente scaricabile dal sito di Grillo dove si potrà seguire Trvaglio ogni lunedì alle 14:00 in streaming.
Un orario un po’ di minkia cmq si potrà rivederlo ogni qual volta si voglia…potenza della rete…altro che mySKY…

Questo blog e il suo autore (cioè io e ancora io) appoggia completamente l’operato di Marco Travaglio ne stima la professionalità, la competenza e l’onesta….speriamo solo hce anche lui nn si trasformi nell’ennesimo fantoccio.

Il travaglio dell’informazione lunedì,12 maggio, 2008

Posted by Donchisciotte in Libertà, Personaggi, Riflessioni.
2 comments

Non amo molto far rimbalzare notizie che già affollano la blogosfera, gionali e telegiornali perchè in fondo finchè restano nella prima dimensione sono cose interessanti e nuove, quando passano alla seconda già sono un po’ riscaldate, quando arrivano alla terza una persona che un filo di consapevolezza e che usa la rete per informarsi ne ha già pieni i coglioni e sentire i soliti fantocci dire le solite minkiate mi fa rotolare le palle.
Però sto giro facciamo un’ eccezione (va con l’apostrofo giusto..?) dai…in fondo la notizia è sostanzialmente divertente (ma relamente angosciante)…

Vabbè, i fatti li conoscete più o meno tutti…in caso voleste fare una ripassatina consiglio la lettura del post di ieri del nostrano Daniele Martinelli.

Ed ora cosa succederà? Vabbè storia già vista no?

Santoro si contenga!!Lei è un dipendente (quando io nn sono al governo ndr) del servizio pubblico!! (che gestisco io e i miei scagnozzi ndr)

Ma in fondo ci sarà una certa coerenza…il governo attuale non deluderà le aspettative come il suo predecessore…l’elettorato del governo attuale continuerà a spararsi serate divano/tv da brividi con Striscia e la De Filippi che scandiscono i ritmi serali, rincoglionendosi e compiacendosi della propria scelta, ottuso, ignorante e credulone come sempre è stato.
L’elettorato della parte opposta invece continuerà a fare opposizione, l’unica cosa che ha sempre fatto, pure quando era al governo, e continuerà a spararsi programmi stra-pallosi che parlando di quella che loro definiscono politica ma che non è altro che un ammasso di minkiate ideologiche snocciolate dal fantoccio di turno (Santoro non ci sarà più e mi chiedo quanta vita avrà la Gabanelli) rincoglionendosi sempre più nell’intellettualità tipica della sinistra, guardando il vicino elettore con superiorità non rendendosi conto che l’unica differenza che passa tra una merda di cane e una di cavallo è la dimensione, ma la sostanza è identica.

Vabbè che dire, fortunatamente ho una vita piacevole e tenterò di non curarmi di loro, ma guardar e passar oltre tanto, appena accennerò un velato sostegno a Travaglio o peggio, a Grillo (il demonio!!!) sarò sbeffeggiato come credulone e povero pirla…io…nn loro..!!!

ahahahahaah, fortuna che sono ben consapevole da che parte stanno i pirla 😉

Micro$oft e il suo ISO_zerbino martedì,8 aprile, 2008

Posted by Donchisciotte in Free Software, Informatica, Libertà, Riflessioni.
2 comments

Cerchiamo di essere realisti…ce lo aspettavamo tutti questo finale e tutto è andato (prima durante e dopo) come da programma.
Il 1° Aprile, e purtroppo non è un pesce ma un palo nel culo, ISO ha promosso OOXML, a standard.
Sinceramente non ho molta voglia (e soprattutto tempo..) di stare a narrare con il mio solito tono ironico-maleducato la faccenda, ma comunque è coerente con la società moderna: i Big vincono sempre.

Ok, ne prendo (ulteriormente) atto. Diciamo che l’unica sensibile novità di questa faccenda è la figura di merda da parte di un organo che dovrebbe essere tra i più seri, superpartes, eccetera eccetera e che invece si è dimostrato, come praticamente tutti gli organi internazionali (tipo l’ONU…), un giocattolo di facciata in mano alle multinazionali o alle nazioni più potenti…un strumento per tenere in piedi il già citato baraccone.

Per chi vuole approfondire più tecnicamente (e seriamente) cosiglio la lettura di questo post scritto da Carlo Piana, persona competentissima, serissima, in gambissima che stimo molto…per intenderci, è colui che ha imbeccato alla Comunità Europea i mezzi per servire alla M$ il maxi-multone…giusto per capire chi è il personaggio…!

Daniele Martinelli martedì,8 gennaio, 2008

Posted by Donchisciotte in Attivismo, Blog, Libertà, Personaggi.
1 comment so far

 

Nebbia

Oggi è giorno di nebbia e di segnalazioni…! 😉

Tra la nebbia che attenaglia il mio paesello e la nebbia che attenaglia da sempre il giornalismo italiano oggi ho scovato un personaggio che spunta fuori da quest’ultima nebbia e che ritengo degno di inserire nel mio personale album di giornalisti, che ovviamente non comprende quella massa omogenea che lavora per il servizio pubblico (ma anche privato…) e che si definiscono giornalisti ma che in realtà sono una corte di servi leccaculo paraculati stricianti bavosi scribani.

E’ tanto ridicolo quando disarmante dover fare queste distinzioni tra i giornalisti veri, che altro non sono che giornalisti, e quelli falsi, che altro non sono che non giornalisti, ma purtroppo i secondi sono più numerosi e con più mezzi dei primi quindi, agli occhi di milioni di divanari che credono che il mondo sia quello che si vede in tv perchè la tv è il loro unico mondo, sembra che quelli veri siano loro…ma che mondo dio bono….!!

Cmq, vi segnalo il blog interessantissimo di Daniele Martinelli (che tra l’altro è un mio conterraneo e quindi stasera cercherò di sintonizzare sulla mia tv Studio 1 in modo da poter seguire la sua trasmissione) e come presentazione del personaggio vi consiglio vivamente questo video che strasupermegaquoto…!!

Ciao e grazie caro Sig. Enzo Biagi martedì,6 novembre, 2007

Posted by Donchisciotte in Eroi, Libertà, Passione, Personaggi, Televisione.
add a comment

La notizia purtroppo era nell’aria dopo il ricovero d’urgenza e le condizioni molto critiche degli ultimi giorni.

Oggi ci lascia uno dei più grandi giornalisti italiani, uno dei pochi, uno degli ultimi Enzo Biagi.

In molti sprecheranno molte parole di stima, solidarità, cordoglio…molte di queste saranno ipocrite..quasi tutte.

Io nn ne sprecherò molte…voglio solo ringraziare (anche se in modo figurato) il Sig. Enzo Biagi perchè grazie a quello che è stato e quello che ha fatto io e tanti italiani abbiamo imparato cosa vuol dire lo stile, l’intelligenza, la classe, lo spirito, la passione, l’onestà, la gentilezza, l’ironia…

Grazie Sig. Enzo Biagi…mi mancherà molto.

lacrimabimbo.jpg

Eduki sabato,29 settembre, 2007

Posted by Donchisciotte in Free Software, Informatica, Libertà, Personaggi, Progetti, Ubuntu.
7 comments

Questo post è come un ambulante che cerca di far conoscere di più la Coca Cola nel mondo…cmq è un piccolo gesto che và fatto,per quel poco che può contare…

Simone Brunozzi è Ubuntista, uno dei migliori personaggi italiani nel mondo Software Libero. Cmq per info su di lui e sul suo lavoro vi consiglio di immergervi nel suo blog..nn ne rimarrete delusi.

Questo post più nello specifico è per publicizzare il suo nascente progetto:

EDUKI

Mi raccomando gente…accorrete numerosi!!!

Io c’ero! giovedì,27 settembre, 2007

Posted by Donchisciotte in Attivismo, Eventi, Libertà, Moto, Petizioni, Rivoluzione.
2 comments

 

Iscriviti al Vaffanculo Day

Eh già..!

Con un pò (parecchio) di ritardo ma cmq…io c’ero!!!!

Dopo un pomeriggio in riva al fiume con gli amici a giocare a pallone io e RCFS siamo saltati sui nostri mezzi e ci siamo recati in piazza…
E’ la prima volta che sono contento di fare la fila…!! Quando siamo arrivati non ci credevo che ci fosse così tanta gente per il V-Day…!! Cmq così è stato, e dopo mezz’oretta di fila abbiamo fatto le nostre belle firmette.
Allego qualche foto per testimoniare il fatto!

V-DAY V-DAY V-DAY V-DAY V-DAY V-DAY V-DAY V-DAY V-DAY V-DAY V-DAY V-DAY

Iscriviti al Vaffanculo Day

la fila… I nostri mezzi… io (…) che firmo

p.s.:GIURO che quando imparo a mettere le immagini in modo decente sistemo tutti i post!

Digital Freedom – Micro$oft : 2 – 0 lunedì,17 settembre, 2007

Posted by Donchisciotte in Free Software, Informatica, Libertà, Male.
4 comments

Fiesta!

Dopo il colpo messo a segno da Free Standard è’ notizia dell’ultima ora…

I Giudici (in maiuscolo per onorarli) di Lussemburgo hanno confermato la maxi multa di circa 500 milioni di euro (milione più milione meno) inflitta il 24 marzo 2004 dalla Commissione Europea guidata dal nostro Mario Monti all’odiata casa di Redmont per abuso di posizione dominante.

Quello che poi personalmente mi fa spanciare è che questa multona è dovuta, oltre alla mancanza di interoperabilità dell’SO di casa Micro$oft che è la cosa più grave, all’inserimento di default nel già mediocre Sistema Operativo di Media Player che diciamocelo…FA CAGARE rispetto alle decine di player multimediali FREE in commercio.

Due esempi:
Per WinZozz (cambiate SO..!!) esiste VLC che è molto più versatile, configurabile, universale.
Per GNU/Linux ce ne sono decine ottimi, uno su tutti è Amarok, un player da leccarsi le dita.

Che dire, una volta ogni tanto sono orgoglioso di essere europeo. Sono orgoglioso che la Comunità Europea non si sia piegata come gli USA a subdoli interessi commerciali e sono orgoglioso che a capo di questo manipolo di piccoli eroi ci sia un italiano da qualcuno bocciato

Speriamo ora che quei 500 milioni di euro vengano utilizzati nel migliore dei modi.

L’ho pagato, è mio, ci posso fare quello che voglio..!! lunedì,17 settembre, 2007

Posted by Donchisciotte in Attivismo, Boicotta, Free Software, Informatica, Libertà, Petizioni, Rivoluzione.
1 comment so far

E’ palese che nel campo informatico ciò non è sempre vero.

La battaglia per poter acquistare un pc senza licenze proprietarie è complessa…all’apparenza è stata vinta e infatti alcuni produttori prevedono già questa cosa. Altri, fanno orecchie da mercante e coadiuvati da personale abbastanza incompetente nn prevedono l’esistenza di un pc, desktop o laptop che sia, senza una versione di Micro$oft WinZozz installata.

Inutile dire che questi ultimi fanno leva sull’ignoranza delle persone che non hanno la benchè minima conoscenza informatica (e una buona dose di pecoronosità), sulla pigrizia di chi sà ma non ha svoglia di sbattersi per ottenere un proprio diritto.

Il nostro caro amico Morris, fortunatamente per lui, non è tra nessuna di queste persone.

Doxaliber ci riporta la notizia di questo ragazzo che, dopo aver acquistato un laptop della Acer ha riscontrato un difetto di fabbricazione del case. Da diligente consumatore ha riportato il prodotto dove l’aveva acquistato, cioè in un negozio della catena PC World (nn linkerò nessun riferimento perchè nn lo merita). I tecnici, dopo aver visionato il lap, hanno detto a Morris che effettivamente era un difetto di fabbrica anche abbastanza comune, ma quando è stato il momento di ritirare il pc non hanno potuto farlo perchè il nostro caro Morris, gloria eterna alla sua scelta, aveva disinstallato l’SO pre-installato, Windows Vista Home Premium, per installare una distribuzione nn meglio specificata di GNU/Linux.

Ovviamente Morris ha intentato una causa che vincerà.

Però che palle… Io a PC Wolrd darei anche una salata multa per ostacolo alla libertà altrui…cioè, non è che uno si deve sbatte per far rispettare un suo sacrosanto diritto…è un suo diritto, dovrebbe essere automatico. No, avvocati, soldi anticipati,tempo perso!!!

e lo sbattimento..? chi me lo paga..?

 

Vi invito anche io a firmare questa petizione per una maggiore liberalizzazione e a boicottare ogni prodotto appartenente alla catena PC World, un altro manipolo di schiavetti viscidi del Grande Male.

Free Standard – Micro$oft : 1 – 0 mercoledì,5 settembre, 2007

Posted by Donchisciotte in Attivismo, Free Software, Informatica, Libertà, Male.
5 comments

Questo è il risultato comunicato ieri da parte dell’ISO che dopo un’attenta analisi ha bocciato il primo tentativo di standardizzazione da parte di Micro$oft del suo formato Office Open (*) XML (OOXML).
Il suo Direttore Strategia Competitiva di Microsoft Italia, al secolo Pier Paolo Boccadamo, utilizza il solito linguaggio di chi perde le elezioni sottolineando che però qualcuno l’ha votato…bella lì, con i “pompaggi” economici alle varie società (vedi Novell & Co.) e ai singoli individui sicuramente qualche voto l’hanno preso…
Ho avuto la fortuna di avere come professore di Sistemi un manico della madonna e una persona fantastica che ha lavorato agli standard per le Nazioni Unite (…) e ci raccontava di come gli scagnozzi della M$ arrivassero con le casse piene di laptop che distribuivano all’ingenuo/corrotto di turno…
Resta il fatto che per ora il finto formato aperto di M$ non passa e gli amici di NOOOXML ne saranno benlieti..io con loro.
Condivido in pieno Felipe quando sostiene che abbiamo già un formato standard ISO open per i documenti e si chiama ODF (Open Document Format).
Vi rimando ad un bel post (uno dei tanti) su PollyCoke che tratta l’OOXML. (**)

(*) : Quando sarò il presidente del mondo vieterò alla M$ di utilizzare il vocabolo Open
(**) : Sembrerà assurdo linkare un post di un altro blog ma personalmente mi sembra ancora più assurdo ripetere le stesse cose (già espresse bene tra l’altro) in mille blog

p.s.: ho messo gli (*) perchè nn sò ancora mettere gli apici…!

Angeli E Diavoli martedì,4 settembre, 2007

Posted by Donchisciotte in Libertà, Moto, Passione, Riflessioni, Storie.
1 comment so far

Copierò qui di seguito un post che ho letto tempo fa nn ricordo dove ma che, da motocliclista quale sono, (ma forse nn server esserlo in questo caso) mi ha lasciato gli occhi lucidi e la bocca aperta.

Si dice che ogni volta che saliamo in sella ad i nostri destrieri insieme a noi salgano pure angeli e diavoli… è vero…
Rappresentano quel dualismo che rende questo modo di vivere così denso di emozioni che a volte il cuore pare voler saltar via dal petto e mettersi a correre… ad urlare… diavoli che girano quel polso in maniera a volte così irrazionale e violenta che lo schizzo di adrenalina ti arriva diritto al cervello senza passare dal via lasciandoti i tremori per lunghissimi interminabili minuti… che ti spingono a piegare quel tanto che basta da far diventare bianche le mani e diventare tutt’uno con la nostra passione…

La nostra vita… tanto da pensare di averlo sfiorato quel limite… di aver scosso quel mantello con il nostro passaggio radente… e angeli che portano il volto e la voce di chi non è più con noi… dei nostri affetti… delle nostre paure ed esperienze costruite sulle nostra ossa rotte… angeli che ti accarezzano quel polso che torna a colorarsi e lascia andare la manetta quel tanto che basta per godere senza infastidire quel mantello che fino ad un secondo fa avremmo strappato urlando per lo spostamento d’aria per vedere s’è veramente così bella e sinuosa questa mitologica creatura perennemente celata dall’ombra della paura…

Pazzi? A volte forse… ma gli anni.. i kilometri e quelle risate che non sentiremo più ci fanno crescere più di quasiasi schiaffo o cinghiata presa in gioventù… eppure “gli altri” non ci capiscono… esser Motociclisti è pericoloso… si muore… ma chi ve lo fa fare?
Poi ci trovate i fine settimana in quache strada di campagna sperduta tra i monti… seduti su un muretto con la sigaretta che si consuma lenta all’angolo delle labbra… con lo sguardo perso all’orizzonte e una mano che inconsciamente segue le sinuose linee del serbatoio o dell’affilato cupolino… colorati come farfalle… bardati come antichi cavalieri… da soli o in sfavillanti sfilate di scintille e riflessi… con il saluto sempre pronto anche se chi incroci non l’hai mai visto e mai più lo rivedrai…

Poi ci vedete seduti intorno ad un tavolo di trattoria o stesi su un prato vicino ad un lago.. con le nostre belle in vista.. rigorosamente in vista… che facciamo baldoria e ridiamo e mangiamo e beviamo tra noi come se fossimo nati tutti lo stresso giorno, dallo stesso grembo… tutti delle medesima classe socialie, estrazione e famiglia… ma come potreste credere che magari ci si è semplicemente trovati sulla stessa strada senza essersi mai visti o parlati prima? Ci crederebbero? Mai…
…ma in moto si muore… è vero… capita… ma quanta Vita è capace di regalarci questa passione?

Il papà di uno di noi che ora non c’è più… il papà di un Angelo con il #24 sul cupolino e nel cuore ci ha definiti così:

“…Mi aveva tanto parlato di voi, ma a dire il vero non lo avevo mai ascoltato più di tanto, ma essendo un gran “capoccione” me li ha voluti far conoscere uno ad uno,questi ragazzi e ragazze meravigliose da abbracciare e baciare come figli propri,immersi in quelle loro tute di pelle, con i loro tatuaggi, con i loro caschi da i colori sgargianti, tutti veri DURI! Gente che su strada non abbassa mai lo sguardo,ma provate ad alzare loro quelle visiere scure da marziani e troverete occhi splendidi, puliti, gonfi di quelle lacrime vere in cui puoi annegare ed arrivare fino in fondo alla loro anima per vedere com’è candida,occhi che solo la gioventù più sana può avere. Provate poi a togliergli quelle tute e troverete al loro interno dei bambinoni innamorati della vita,delle scorribande,dei week end a bistecche e salsicce, ma ancora tanto bisognosi di un padre o di una madre che li prenda per mano quando la sorte inizia a giocare così duro….”

…si, è vero.. in moto si muore, capita… può capitare ad ognuno di noi… ci si fa male… tanto male… ma quanta vita si trasforma in ricordi bellissimi, in attimi eterni, in risate così fragorore da far tornare il sole anche in una fredda e piovosa giornata di novembre?

Parlate con ognuno di noi… fatevi raccontare un giro, un aneddoto, una curva… e perdetevi in quello sguardo che comincia a scintillare come quello di un bimbo che scopre la vita per la prima volta… nelle risate… nel sorriso che, spontaneo, stira gli angoli del viso e distende la fronte…

Parlate con ognuno di noi… e chiedetegli cosa sarebbe di lui se un giorno dovesse rinunciare a questa passione… e preparatevi a sentire l’urlo del silenzio… e a vedere quello sguardo di bimbo diventare lo sguardo di un marinaio costretto a vivere a terra con il mare in vista… di un pilota che guarda il cielo ancorato a terra…
Già.. in moto si muore… ma ora credete di poterci capire? Io non credo… non ancora…

Chiedete allora di portarvi ad un raduno, ad una scampagnata… bagnatevi di piggia scrosciante che vi penetra fino alla biancheria intima.. che vi entra nelle ossa… lasciate che il freddo vi punga fino a farvi lacrimare… lasciate che il sole tenti di liquefarvi mentre indossate limmancabile giacca tecnica… o semplicemente provate a chiedergli di fermarsi così, senza nessun motivo apparente x strada accostandosi al ciglio per stupirvi di quanti (automobilisti) non vi degneranno di uno sguardo e quanti (motociclisti) si fermeranno per offrirvi aiuto, compagnia, un semplice passaggio al più vicino distributore anche se esso si trovi asvariati km o un posto nel proprio box per la moto e un pasto caldo per voi mentre aspettate i soccorsi…
..fatelo e allora, solo allora arriverete a sfiorare l’essenza di essere Motociclista…

In moto si muore, è vero… ma non esiste modo migliore per vivere il tempo che ci è concesso… e se ancora non lo avete capito beh.. lasciate perdere, non lo capirete mai… ma se un domani mentre andrete a mare con la vostra famiglia automobilisticamente corretta dovesse sopraggiungere uno di Noi e vedreste vostro figlio girarsi di scatto e salutare sbracciando come un pazzo rinunciate a capire anche lui… lui che nella sua incoscenza vede in noi quella scintilla che voi non siete stati capaci di scorgere… e se vedere il Motociclista ricambiare il saluto… beh… non c’è nulla di strano sapete? Tra Angeli in terra ci si saluta sempre… ma questo, chi ha perso le ali, non lo ricorda…

 

 

 

 

Richard Matthew Stallman lunedì,3 settembre, 2007

Posted by Donchisciotte in Free Software, Informatica, Libertà, Personaggi.
5 comments

Con questo post inauguro la sezione Personaggi; in cui,guarda caso, parlerò di persone più o meno note.

Volutamente ho scelto Stallman (che da ora sarà RMS,come lui stesso si firma) per l’inaugurazione perchè è probabilmente l’individuo (vivente) che più stimo in the world (esclusi familiari & Co.) .

Non starò ad annoiarvi con i suoi dati anagrafici e la sua storia che poi,a pensarci bene, è tutt’altro che noiosa, ma per quello c’è Wikipedia, sia nella versione italiana che nella versione inglese, ovviamente più completa.
Brevemente….
RMS è un tizio nato a New York ed è uno dei più famosi, competenti, apprezzati, discussi, sbeffeggiati, odiati personaggi nel modo dell’informatica mondiale.
Da giovane (tutt’ora) fu il classico nerd ma in lui un bel giorno si accese una scintilla, una domanda, una perplessità che è talmente naturale, talmente corretta, che è sembrata da subito una pazzia in questo pazzo mondo.
In principio, quando uomini in formato occhiali e capelli lunghi, un po’ puzzolenti, saltellavano sulle keyboard, era il codice
Durante questo principio tutto era di tutti, i progressi informatici erano della comunità, non del singolo. Poi un giorno il male s’insinuò sotto forma di brevetti,di licenze,di copyright
Fu allora che il nostro eroe si chiese:
“Ma perchè? E’ un controsenso che tante persone lavorino alla stessa cosa senza uno scambio aperto di informazioni..alla fine…siamo tutti sulla stessa barca..no?”
Ovvio che si, caro RMS, solo che alcuni su questa barca ci vogliono stare più comodi di altri…
Fu così che il nostro RMS teorizzo l’ideologia del free che per inciso,bisogna specificarlo altrimenti si inbufalisce, significa libero non gratuito.
Scrisse la GPL che nn è il gas ma la General Public License e fondo la FSF, La Free Software Foundation.
Nel frattempo però scriveva anche badilate di codice e software,ovviamente tutti sotto GPL. Tra i più famosi Emacs e GCC. Praticamente un manico della madonna…

Ma la cosa che conta di più è il suo pensiero e i suoi gesti. Egli con le sue doti avrebbe potuto diventare benissimo uno dei tanti miliardari (in $..) della Silicon Valley ma non l’ha fatto perchè ha ritenuto più importante la coerenza con se stesso,con i suoi ideali che il vile denaro.
Persone così coerenti sono rarissime al giorno d’oggi.
Anche per questo non sono capite da tutti e dai più sono etichettate come integraliste. Ok, mi sta bene, interpreto il termine come l’essere integro.
Da molti RMS è definito un talebano del software ma io dico a quei molti che si stanno sbagliando,che il loro modus ragionandi è stato inquinato.
Su di tutti un grande opportunista che io stimo come tecnico ma non stimo come uomo, il celeberrimo Linus Torvalds il padre di Linux.

Senza di lui (o magari ci sarebbe stato qualcun’altro..resta di fatto che il fondatore è lui) non esisterebbe il mondo del Free Software, dell’Open Source, nn esisterebbe neanche Linux senza GNU.
In un altro post spiegherò la differenza tra Linux e GNU.

Il concetto di fondo, espresso molto bene dalla parola africana ubuntu è tanto semplice quanto divino:Io sono ciò che sono per merito di ciò che siamo tutti.
RMS ha adottato un’ideologia partendo dal campo informatico che sarebbe la soluzione dei problemi del mondo se applicata al mondo stesso.
Se tutti i medici lavorassero insieme ad una determinata ricerca quanto prima e quanto facilmente si arriverebbe ai risultati? Stessa cosa per gli scienziati.
Ma lo sò,nn sono così stupido..quella di RMS e che mi ritengo onorato di condividere, è un’utopia
Ma non sò fino a quando, non sò per quanto…
Nella mia forse stupida illusione vedo una presa di coscienza da parte di tante persone, e questo grazie alla nostra amata rete..colei che ci rende attivi rispetto a quello che ci circonda, al contrario della tv.
Per finire (ma quanto cazzo non sono sintetico????) vorrei assolutamente consigliarvi una lettura…la sua autobiografia ufficiale in formato intervista.
Ovviamente è free e liberamente scaricabile da qui

Ok, l'immagine l'ho messa in fondo altrimenti i più nnsarebbero andati avanti nn vedendo traccia di gnocchi (maschili o femminili)